La durata di registrazione di un dominio è un fattore SEO?

Durata di registrazione di un dominio

La durata di registrazione di un dominio incide davvero sul posizionamento di questo nelle SERP di Google? Il dibattito va avanti ormai da diversi anni e non si è ancora ben capito se gli algoritmi del motore di ricerca del colosso di Mountain View prendono o meno in considerazione la l’età di un dominio per determinarne il posizionamento.

Innanzitutto bisogna distinguere due “anzianità”: il numero di anni da cui un dominio è attivo ed il numero di anni per cui il dominio viene registrato. Oggi parliamo di quest’ultimo fattore.

C’è una precisazione da fare riguardo alla registrazione dei domini: una volta registrato, un dominio non è acquistato e quindi non se ne può disporre per tutto il tempo che si vuole. Il dominio è dato in “concessione” dal Registrar che realmente lo possiede.

Un dominio può essere registrato per uno o più anni ma se si smette di rinnovarne la registrazione allora questo torna a disposizione del Registrar che può assegnarlo a chiunque ne faccia richiesta.

Per quanto riguarda la durata della registrazione del dominio, secondo alcuni può influire sul posizionamento del sito web nelle pagine dei risultati di Google. Questo perché un dominio registrato, per esempio, per 10 anni ha più probabilità di essere un sito “di maggior valore”.

Un portale utilizzato per spam, per reindirizzamenti e altre pratiche che piacciono poco a Google difficilmente sarà registrato per un lungo periodo dato che dopo breve tempo potrebbe perdere completamente la sua “utilità”.

Questa convinzione è nata da una nota inserita nel brevetto n° 20040071741 registrato da Google:

“Certain signals may be used to distinguish between illegitimate and legitimate domains. For example, domains can be renewed up to a period of 10 years. Valuable (legitimate) domains are often paid for several years in advance, while doorway (illegitimate) domains rarely are used for more than a year. Therefore, the date when a domain expires in the future can be used as a factor in predicting the legitimacy of a domain and, thus, the documents associated therewith.”

Ovviamente non è possibile sapere se questo indicatore, la data di scadenza della registrazione di un dominio, è effettivamente utilizzato da Google per determinare il posizionamento di un sito web.

Matt Cutts, interpellato sull’argomento ha affermato che è meglio trascurare dettagli come la durata del rinnovo di un dominio e concentrarsi sulla qualità dei contenuti.

La maggior parte degli esperti propende per la seguenti idea: se un dominio è registrato per più anni, questo può essere un fattore positivo per quei siti che sono già valutati positivamente da Google. Se invece un dominio viene rinnovato di anno in anno allora questo può diventare un punto a sfavore per quei siti che sono già ritenuti di scarsa qualità da Google.

Se comunque il vostro è un dominio .it allora sappiate che il NIC italiano concede la registrazione per un massimo di un anno. I domini .com invece possono essere registrati per più anni.

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori.
L'indirizzo email non verrà pubblicato

 

Commenti

  1. Pingback: L'anzianità di un dominio è un fattore SEO? - blog.artera.it