L’avvento dei domini di primo livello aziendali

Domini AziendaliLa rivoluzione annunciata e poi messa (momentaneamente?) da parte dal’ICANN relativamente ai domini internet generici è ora ad una svolta obbligata.
Canon, la grande multinazionale della fotografia giapponese ha infatti annunciato di voler acquistare l’estensione TLD .canon.

Di cosa stiamo parlando?

L’ente internazionale che si occupa della gestione dei domini internet  di primo livello (ICANN) ha annunciato qualche tempo fa la propria intenzione di liberalizzare le estensioni internet disponibili. Nel piano di ICANN c’era la volontà di dare la possibilità di registrare estensioni relative a luoghi geografici, a nomi di aziende e marchi aziendali come se fossero delle comuni estensioni del tipo .com, .org, .net ecc.

Al posto di avere il proprio sito internet all’indirizzo Artera.it, quindi, sarebbe stato possibile attivare domini del tipo, ad esempio, www.blog.artera, www.hosting.artera o anche www.servizi.artera.

Addio quindi alle, ormai classiche “desinenze” .com e .it che erano ormai entrate nella vita quotidiana di tutti? Non proprio.
Il progetto di ICANN ha scatenato un grande dibattito all’interno delle diverse community di internet ed è stato ampiamente criticato su più fronti tanto da costringere l’ente ad un passo indietro. Voci dicono che se ne riparlerà a Giugno, durante il 41° meeting pubblico di ICANN.

Le critiche ricevute da ICANN riguardano soprattutto la grande confusione che l’introduzione di questa nuova possibilità potrebbe portare. La grande corsa alla registrazione dei domini .com di qualche anno fa potrebbe ora riproporsi, come anche, di conseguenza, il fenomeno del cybersquotting: ovvero la pratica di registrare domini di marchi e aziende famose per rivenderli in un secondo momento.

L’annuncio di Canon e alcune voci relative ai domini per il nuovo iPad impongono una svolta. Pare infatti che Apple non abbia al momento registrato alcun dominio per i suo nuovo tablet, nemmeno iPad.com. Una strategia in attesa dell’estensione .apple?

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori.
L'indirizzo email non verrà pubblicato