9 consigli per non perdere di vista la tua strategia di comunicazione

Strategia di comunicazione

Quando si è immersi nelle dinamiche di comunicazione sui social media, può capitare di scivolare facendosi rapire da quella che chiamo “la giostra ansiolitica dei numeri”: la verifica di aspetti tecnici, la corsa ad essere informato sull’ultima implementazione, l’aumento dei followers e delle interazioni, ecc.

Numeri e analisi che, per carità, sono fondamentali fino a quando non diventano il primo parametro di valutazione, il primo input che ti fa agire. Nel momento in cui ci si dimentica perché e cosa si sta comunicando, quando il fine è solo circoscritto all’aumento di visibilità a tutti i costi, è (purtroppo) naturale impoverire la forza comunicativa strategica che, sicuramente lavora su tempi più lunghi, ma che proprio per questo è uno tra i metodi più efficaci per creare fedeltà e rafforzare la riconoscibilità del tuo personal branding. Un singolo post o un’azione comunicativa una-tantum, fatta senza considerare un progetto più ampio e completo, potrebbe anche portare numeri particolarmente alti ma, lo stile, quel fille rouge che dovrebbe nel tempo farti riconoscere dai tuoi followers, dai tuoi clienti, dove va a finire?

Ti propongo 9 piccoli e semplici consigli da leggere ogni qual volta percepisci che non stai vivendo i social, ma sei “salito su una giostra” che ti sta comandando: quando l’obiettivo che ti eri prefissato non è più a fuoco o senti semplicemente stretta una routine fatta di poca creatività e molti obblighi che rendono piatta e poco efficace la tua forza comunicativa.

  • 1. Fermati, respira e guarda sempre cosa stai facendo. Lo fai perché devi comunicare qualcosa? O perché vuoi comunicare qualcosa?
  • 2. Riprendi in mano la tua storia e rileggi i tuoi post, i tuoi contenuti: stai (ancora) seguendo la tua strategia, la tua linea comunicativa o stai sviando? Attenzione perché questo potrebbe essere forviante per chi ti segue. Ciò non significa che non puoi cambiare, modificare o decidere una nuova direzione ma, fallo se lo hai deciso e rendi partecipe la tua community.
  • 3. Non dimenticare ciò che ti piace fare le tue passioni sono il miglior strumento creativo che ti è stato regalato: spingono all’azione, sviluppano idee, rilassano.
  • 4. Guardati intorno, quante volte pubblichi tuoi contenuti? E quante volte invece leggi, pubblichi o consigli contenuti di altri colleghi, blogger, aziende? Guardi cosa fanno gli altri? Ti informi sulle tendenze, sulle novità? Ricorda sempre che dagli altri s’impara (o sai già tutto?), al contrario il rischio è di completa chiusura anche alle novità.
  • 5. Non è la quantità, ma la qualità che fa la differenza: non farti prendere dall’ansia di dover pubblicare e non dimenticare mai il piacere di farlo!
  • 6. Chiedi e confrontati con la community: ricordati che la comunicazione sui social è bi-direzionale! Hai dubbi? Hai nuove idee in testa? Chiedi e confrontati con la tua community! È li apposta!
  • 7. Concediti del tempo definito per migliorare, la formazione continua è fondamentale. Non farti prendere dall’ansia: dedica quotidianamente o saltuariamente un tempo preciso alla fase di formazione personale. Partecipa a convegni, workshop, corsi di aggiornamento, sarà una splendida occasione di confronto personale e professionale.
  • 8. Scrivi la tua nuova strategia e confrontala con la quella precedente. Ti aiuterà a mettere ordine, a capire dove stavi sbagliando, se stavi sbagliando, se iniziare nuovi percorsi e quale direzione intraprendere.
  • 9. Riparti. Ora che hai raddrizzato il tiro, ha ridefinito il tuo obiettivo fai un bel respiro, fammi un sorriso e riparti!

Che sia una nuova partenza diretta a quel #futurosemplice al quale noi tutti aspiriamo.
Rosa

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori.
L'indirizzo email non verrà pubblicato

 

Commenti

  1. avatarSilvia Segala

    Semplici ma al tempo stesso chiari, creano una scaletta per un piano di attacco, o di ripresa, che non perde un colpo. Grazie Rosa, ne farò tesoro.

  2. Pingback: 9 consigli per non perdere di vista la tua strategia di comunicazione - futurosemplice

  3. avatarRosa Giuffre Autore

    Grazie a te Silvia! Sì, io ci credo molto perchè l’ho provato su di me: è molto più costruttivo fermarsi e allontanarsi per guardare con un occhio quasi “esterno” ciò che si stava combinando… piuttosto che continuare a scrivere, progettare impostare, pianificare senza una direzione chiara… Felice che ti sia stata di aiuto! Buon #futurosemplice!

  4. avatarRosa Giuffre Autore

    Grazie a te Eleonora! Se vuoi aggiungere altri punti o consigli son qui! A presto e buon #futurosemplice!

  5. avatarAnnamaria Vicini

    Condivido tutto quello che hai scritto, salvo una cosa: secondo me anche la quantità ha la sua importanza. Certo non deve prevalere sulla qualità, ma è importante avere una certa continuità di produzione se si vuole che la propria presenza online abbia successo. Che poi, a voler ben guardare, anche offline non è molto diverso :)

  6. avatarRosa Giuffre Autore

    Ciao Annamaria! Ben ritrovata! Sì è vero, hai ragione. In effetti la continuità nella propria produzione è fondamentale nella comunicazione online e offline. Diciamo che il perfetto equilibrio potrebbe essere contenuti coerenti, nessuna ansia “da prestazione” e antenne alzate sempre per domandarsi se quello se si sta facendo sia o meno corretto… ahhh ovviamente sempre ben presente l’obiettivo! A presto, e grazie per il tuo commento

  7. Pingback: Come sviluppare la propria Social Community - blog.artera.it

  8. avatarManuela Marletta

    Grazie Rosa, oggi ho proprio bisogno di fermarmi e fare un bel respiro. ;)

  9. avatarRosa Giuffre Autore

    Ciao Manuela! ottimo!… eh sì… ogni tato ci vuole proprio… Grazie per il tuo affetto… e la fedeltà con cui mi segui!

  10. Pingback: Nella comunicazione ci vuole stile: definisci il tuo! - blog.artera.it

  11. Pingback: Web e Social Media, 9 consigli per non perderti | NONPROFIT BLOG di Elena Zanella

  12. Pingback: La costruzione del personal branding - blog.artera.it

  13. Pingback: 9 consigli per non perdere di vista la tua stra...